«Per me è stata l’occasione di raccontare con cruda delicatezza i pensieri, i dubbi e le paure dei trentenni occidentali di oggi: una donna e un uomo moderni che in una notte che sembra quasi una vita intera, abbandonano le maschere e giocano la partita dei loro destini», così il regista Ivan Silvestrini descrive il suo nuovo film 2Night, remake dell’omonimo film israeliano del 2011, in uscita oggi nelle sale cinematografiche e distribuito da Bolero Film.

Presentato nel 2016 come unico film italiano in concorso nella sezione Alice/Panorama della Festa del Cinema di Roma, la pellicola è incentrata su due trentenni (Matilde Gioli e Matteo Martari) che si conoscono una sera in discoteca, provando subito una particolare attrazione l’uno per l’altra.

Entrambi soli e in cerca di qualcuno con cui passare la notte, si ritrovano ad attraversare insieme i diversi quartieri di Roma in auto. I due però, non riuscendo a trovare parcheggio, passano il tempo a conversare scoprendo tra di loro una forte connessione. Il destino di quella notte sembra condurli in una direzione inaspettata: sarà solo una notte di divertimento o un sentimento imprevisto che cambierà i loro destini?

Le particolarità di questa pellicola sono molte: 2 soli attori senza nome e 74 minuti girati all’interno di una macchina o nelle immediate vicinanze: questo fa sì che chiunque di noi possa immedesimarsi nei giovani protagonisti.

Insomma, un film intrigante che promette di lasciarci tutti con il fiato sospeso.

Qui il trailer:

 

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata