Abbiamo tutti un filo rosso invisibile e indistruttibile legato al mignolo della mano sinistra che ci lega alla nostra anima gemella

La storia è semplice, comincia quasi come una favola. Tanto tempo fa gli esseri umani non erano divisi per sesso (maschi e femmine), ma avevano caratteristiche di tutti e due i generi. Dopo che tentarono la scalata dell’Olimpo, Zeus li divise, rendendoli più deboli. Per questo dalla notte dei tempi, uomini e donne vanno alla ricerca  della loro metà perduta, per ricostituire l’unità originaria.

Il simposio di Platone è uno dei miti più suggestivi di sempre, forse anche più di cenerentola. Ma sarà davvero così?

Quante anime gemelle abbiamo?

Sicuramente viviamo in un mondo fatto di persone e interagiamo con esse. Quindi non è così strano che con alcune ci sia maggior feeling che con altre. Ma interrogandosi meglio su questo mito, si scopre che ci sono diverse definizioni di anima gemella. Infatti esistono le anime compagne, per chi crede nella reincarnazione, anime karmiche che abbiamo ritrovato in una o più vite passate. Sono coloro che lasciano preziosi insegnamenti.

Poi ci sono le anime gemelle: anche queste le abbiamo conosciute in vite passate. Quando proviamo quel senso di conoscere una persona da sempre. Queste anime vivono con noi per poterci regalare lezioni che ci mancano, possono essere ad esempio anche le nostre migliori amiche o un parente. Infine c’è l’anima di fiamma gemella, quest’ultima non si può proprio definire karmica perché è la metà del nostro Spirito. Nessun altra può superare questa, perché guardarla è come guardare se stessi e poi vedere l’eterno. Quindi in teoria possiamo avere molte anime compagne e gemelle, ma sempre e solo una Fiamma Gemella che è con noi dai tempi della creazione dello spirito unico.

Gli scettici probabilmente non crederanno a queste storie. Spesso l’anima gemella è vista come una ricerca forsennata, per poi scoprire che nessuno è perfetto. Avere troppe aspettative e standard troppo alti porta spesso a forti delusioni. Bisogna sempre tenere in considerazione che siamo umani, avremo pure tentato di scalare l’Olimpo ma ricordiamoci che Zeus ci ha resi più deboli, quindi fondamentalmente imperfetti. Inoltre, il tempo cambia le persone e ciò che crediamo di volere a 20 anni non è sempre quello che desideriamo a 30!

Ma come riconoscere la propria anima gemella?

I segnali per capire se il tuo partner è la tua anima gemella o comunque la persona giusta per te:

  • Quando tra di voi c’è fiducia reciproca
  • Quando vi sembra di conoscervi da sempre
  • Quando ti sostiene
  • Quando ti lascia crescere e maturare come persona
  • Quando condividete gli stessi valori
  • Quando con lui puoi essere completamente te stessa

Ricordatevi sempre! L’amore deve essere universale. La nostra fiamma gemella è parte di noi, quindi non riversiamo unicamente il nostro amore verso quella persona, abbiamo abbastanza amore dentro per amare anche le altre anime della nostra vita!

 

 

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata