Anno nuovo, obiettivi nuovi e migliore qualità della vita.

Se anche tu desideri che il 2019 sia l’anno della svolta verso una nuova presa di coscienza di te e delle tue potenzialità, nulla di meglio che seguire i dieci preziosi consigli di Marina Osnaghi. La master coach ha stilato una serie di buoni propositi per aiutarci a raggiungere gli obiettivi prefissati per il nuovo anno.

Eccone alcuni: coltivare le relazioni personali, imparare ad ascoltare e comunicare, celebrare i risultati raggiunti ed evitare ogni forma di vittimismo.

L’arrivo del nuovo anno è da sempre sinonimo di buoni propositi, non solo per raggiungere un benessere fisico e mentale, ma soprattutto per conquistare importanti obbiettivi in vari ambiti dalla scuola al lavoro alle relazioni, dove spesso routine, sovraccarico e stress ostacolano il loro conseguimento. “È necessario perseverare e aumentare la forza d’animo con assiduo impegno, fino al momento in cui il buon pensiero diventi buona volontà”. Lo scriveva Seneca già nel I secolo d.C. all’interno della sedicesima epistola a Lucilio, riconoscendo come i buoni propositi fossero un ottimo viatico per raggiungere i propri obbiettivi. Credenza che dall’antichità è stata tramandata fino a oggi, influenzando anche alcuni dei più influenti personaggi della contemporaneità. A partire dal visionario imprenditore Richard Branson, che nel 1972 stilò una lista di 8 consigli che lo portarono al successo, passando per Jonathan Swift, autore dei Viaggi di Gulliver, che nel 1699 compilò un elenco di buoni propositi da tenere a mente per la sua età anziana, fino a Marylin Monroe, che nell’inverno del 1955 li scrisse nel suo libro rilegato in pelle.

L’importanza dei buoni propositi si è estesa anche al panorama cinematografico, in particolar modo con Il Diario di Bridget Jones e Il favoloso mondo di Amelie, pellicole cult del 2001 nelle quali il ruolo dei buoni propositi è centrale. Ma non è tutto. La volontà di rinnovamento per raggiungere gli obbiettivi prefissati è avvalorata anche dalla scienza, come dimostrato dal professore di Psicologia dell’Università del Texas Cedric Wood in uno studio pubblicato dalla CBS, che suggerisce di essere determinati e precisi perché una spinta che proviene da una convinzione non reale tende ad esaurirsi nella breve durata.

«La regola fondamentale nel perseguire in maniera corretta i propri obbiettivi per il 2019 consiste nel non lasciarsi guidare da un mero impulso razionale, bensì da un’emozione pura e genuina. Ogni proposito è importante per agire a livello mentale e motivazionale, a patto che sia gratificante e non legato al senso del dovere – spiega Marina Osnaghi, prima Master Certified Coach in Italia, che ha affiancato grandi imprenditori e professionisti nel raggiungimento dei propri obiettivi – Un po’ come quando a scuola si affronta lo studio in maniera passiva, mentre si va a giocare carichi di energia con i propri compagni. La stessa situazione si presenta in ambito lavorativo quando si tende più volte a rimandare un incarico ritenuto troppo pesante e all’apparenza impossibile. Le emozioni nascono anche per aiutare le azioni e, se piacevoli, aumentano la voglia di fare, anche se apporta fatica, tempo e stress».

Ecco i 10 consigli da seguire per un 2019 top!

  1. Semplifica e amministra le tue energie per evitare stress inutile.
  2. Scegli un paio di relazioni poco coltivate a causa del troppo lavoro e potenziale, potrai far nascere opportunità scambiando idee.
  3. Migliora una cosa per volta, specialmente quando si tratta di comportamenti.
  4. Ricordati dei risultati intermedi: anche se non hai ancora raggiunto la fine, qualcosa lo hai già realizzato ed è giusto celebrarlo.
  5. Riconosci la bontà delle tue azioni e di chi ti sta accanto.
  6. Guardati attorno e impara a chiedere aiuto, capendo chi possa essere in grado di farlo.
  7. Impara a fare tante domande e ad ascoltare: la comunicazione prima di tutto.
  8. Non trascurarti e dedica maggior tempo alla cura del tuo benessere psico-fisico.
  9. Nota le situazioni impossibili e trova il modo di non volerci stare dentro a tutti i costi.
  10. Evita qualsiasi forma di vittimismo e costruisci il triangolo della vittoria in cui essere assertivo, avere cura di te e rispettare la tua vulnerabilità.

 

A proposito dell'autore

“Se pensi di essere troppo piccolo per fare la differenza prova a dormire con una zanzara”. Dalai Lama

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata