Capire quando è il momento giusto non è cosa semplice, ancora di più quando si tratta di decidere di fare (o non fare) l’amore con il proprio ragazzo… ma qual è il momento di dire sì?

Che il sesso sia un grande tabù non è certo una novità. Sicuramente l’educazione ricevuta, la religione di appartenenza, il carattere e il contesto nel quale si vive, sono tutti fattori che influenzano fortemente la visione che abbiamo del sesso e il nostro modo di esprimerla. Ma quali sono i motivi per cui questa esperienza porta ansie e paure, soprattutto in vista della famigerata “prima volta”?

Innanzitutto fare l’amore significa entrare in intimità con una persona, scoprendo se stessi, in senso reale e metaforico. Ovviamente questo suscita tanta paura: paura di sbagliare qualcosa e fare una figuraccia, paura di mostrare il proprio corpo, paura di lasciarsi andare con la persona sbagliata, per le ragioni sbagliate, nel modo sbagliato.

Un altro motivo è che nella nostra società, fare l’amore è vista da molti come una “prestazione”a cui dare un giudizio. Un atto di unione che finisce insomma, per essere considerato una una voce del curriculum vitae di cui vantarsi.

Inoltre fare l’amore per alcuni è, più o meno consciamente, quasi una moneta di scambio che diventa doveroso erogare in determinate occasioni o come risposta ad alcuni comportamenti. Senza dimenticare che, esiste ancora una doppia visione in proposito: un dongiovanni libertino è considerato un esempio, ma una donna con gli stessi comportamenti invece no. Questa visione contribuisce non poco ad alimentare la paura di lasciarsi andare per timore di essere giudicate “male” dagli altri.

Tutti questi motivi contribuiscono a rendere il sesso qualcosa di cui, sopratutto nell’adolescenza, si ha molto timore: si sta con il partner da un po’, la relazione va a gonfie vele e a un certo punto, ci si chiede quando è il momento giusto per fare l’amore con il proprio ragazzo. Gli antichi romani avrebbero definito questo argomento una “vexata quaestio”, cioè un tema discusso e lungamente dibattuto, sul quale dubbi e interrogativi restano aperti.

Non esiste infatti un momento che vada bene per tutti gli individui e le coppie: quello che è certo è che è meglio arrivare al fatidico momento con gradualità, sia per iniziare ad avere familiarità con se stessi, sia per conoscere meglio anche l’altro.

Piano piano vi sentirete sempre più in sintonia e in confidenza, questo farà sì che vi sentiate più a vostro agio nei momenti intimi. Senza dubbio le chiavi di volta per scegliere di lasciarsi andare, sono la fiducia e il rispetto: se vi fidate del vostro partner e lui vi dimostra amore e rispetto, senza sottoporvi a forzature e insistenze, allora siete sulla strada giusta.

 Credit photo: profilo Instagram Chiara Ferragni

A proposito dell'autore

Ragazza Moderna, per essere sempre più vicina a voi e al vostro mondo, ha deciso di aprire un canale di supporto alle problematiche giovanili. Un progetto che nasce in collaborazione con la Onlus "Fermata d'Autobus". Costituita a Torino nel 1998, questa associazione va incontro alle esigenze di sostegno in ambito sociale e psicologico, proponendo interventi e percorsi di ascolto e cura delle persone. Da alcuni anni l'attenzione di "Fermata d'Autobus" è rivolta anche alla sfera adolescenziale e ai problemi ad essa connessi, con una cura particolare alla prevenzione del disagio giovanile. Quindi, il primo passo di questa collaborazione è stato creare una casella di posta elettronica psybug.rm@gmail.com attiva dal 1° aprile 2013, alla quale potete scrivere in maniera del tutto anonima e riservata in merito ai temi e ai dubbi più diversi: dai problemi affettivi e relazionali in famiglia, nel gruppo di amici, nel contesto scolastico, ai problemi di dipendenza (sostanze, internet, cibo...) o di abuso. Ad ascoltarvi e aiutarvi abbiamo messo in campo un team di psicologhe tutte al femminile che in tempi brevi daranno risposta alle vostre domande. Una sorta di "sportello amico", insomma. Inoltre, grazie all'esperienza e alla capillarità dell'associazione "Fermata d'Autobus" nei casi di maggior disagio o di necessità di sostegno, le psicologhe segnaleranno il centro di ascolto più vicino al quale rivolgersi.

Post correlati