Ragazze, prima di leggere questo articolo avete già baciato tutte le persone alle quali volete bene? Oggi è d’obbligo! Da 27 anni, infatti, il 6 luglio si celebra la Giornata mondiale del bacio, il World Kiss Day! Un appuntamento dedicato a festeggiare tutti i tipi di bacio. E ce ne sono davvero tanti.

Da quello affettuoso che ci si scambia con le amiche a quello tenero di mamma e papà. Passando per quelli consolatori, di vicinanza, di circostanza, di esultanza, di tradimento, di vendetta. Infine c’è il più atteso e dolce di tutti: quello che ci si scambia con chi si ama.

Ma perché il bacio è così importante per tutti noi? Qual è la ragione che ci spinge a dimostrare affetto proprio attraverso questo gesto? E ancora, è una pratica condivisa in tutto il mondo? In occasione della Giornata mondiale del bacio proviamo a rispondere a queste e molte altre curiosità grazie anche alla collaborazione della dottoressa Elena Busso, psicologa, psicoterapeuta sistemico relazionale e consulente sessuale di MioDottore.it

L’importanza “chimica” del bacio

Quando si è innamorati si è più belli. Un modo di dire che, come è stato dimostrato, ha anche una base scientifica. Dando un bacio, infatti, si bruciano fino a 6 calorie al minuto, coinvolgendo oltre 36 muscoli facciali e 4 dei 7 nervi cranici. Non solo. Baciarsi attiva una serie di reazioni chimiche grazie al fatto che nella saliva maschile è presente il testosterone, l’ormone del desiderio, mentre in quella femminile si trovano le molecole dell’appagamento e della serenità, le endorfine. Questo “scambio”, spiega l’esperta: «aumenta l’autostima, riduce l’ansia e migliora la creatività, facendo sì che ci si senta anche più riposati e in forma. Baciare, insomma, fa bene sia alla mente sia al corpo». E adesso che conoscete il potere dei baci sulla vostra bellezza… SHARE YOUR LOVE! preparandovi a dare “baci al bacio” con i consigli di RagazzaModerna.it (leggi l’articolo). Completate il look con i prodotti nella gallery!

A ogni bacio un significato

Se la Giornata mondiale del bacio celebra tutti gli atti d’affetto senza distinzione, non c’è dubbio che ci siano baci e baci. Ecco i significati delle tipologie più diffuse tra le coppie.

  • Sulla fronte. È intimo, ma anche molto dolce. Indica che la coppia è “rodata” e ha condiviso molte esperienze.
  • Sulla guancia. Può sembrare un gesto banale, ma così non è. Dimostra familiarità e affetto, soprattutto se schioccato sorprendendo l’altro.
  • Sul naso. Non è sexy, ma è simpatico e decisamente giocoso. È il bacio perfetto per le coppie che non si prendono troppo sul serio e amano mostrare il loro lato sbarazzino.
  • A stampo. Easy e senza pretese, questo bacio certo non dimostra l’alchimia tra i partner, ma consente alla coppia di ristabilire immediatamente la sintonia.
  • Alla francese (compresa la variante a “sandwich”). Passionale, coinvolgente e super hot, è il bacio di coppia per antonomasia. Dimostra, infatti, il coinvolgimento, l’affinità, l’intesa e anche il desiderio che fa da collante all’unione. La variante del sandwich (quella in cui le labbra sono sfalsate) aggiunge un po’ di pepe a un contatto che è già da scintille.

 Gli inconvenienti del bacio

Sessanta milioni tra batteri, funghi e virus: è quanto ci si scambia con un appassionato bacio alla francese. Un “effetto secondario” che non deve assolutamente spaventare: il sistema immunitario viene infatti rafforzato, agendo positivamente sull’umore. Si abbassano i livelli di cortisolo, mentre cresce l’ossitocina, ormone del benessere e della socialità. Sebbene un bacio nasconda molti vantaggi, è importante tenere conto anche degli spiacevoli imprevisti. Tra questi c’è la mononucleosi, chiamata appunto “malattia del bacio“. In merito, la specialista specifica: «È un’infezione molto comune causata dal virus Epstein-Barr. Spesso non ci si rende di averla contratta perché non dà sintomi evidenti o si presenta con un leggero malessere. Ma niente paura! Si guarisce in fretta».

Quando un bacio non è sinonimo di affetto

Siete convinte che baciarsi sia simbolo di affetto per tutte le culture? Ebbene no! Per alcune popolazioni baciarsi è infatti considerato un gesto pericoloso, perché si pensa risucchi l’anima o sia decisamente antigienico, tanto da considerarlo un atto impuro. I Polinesiani, invece, avvicinano il viso a quello del partner unicamente per annusarsi, mentre giapponesi e indiani ritengono il bacio in pubblico un atto di maleducazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata