Questo sarà un Natale fur free, e cioè senza pelliccia. Parola del premio Oscar Penelope Cruz che ha prestato il suo volto per una nuova emozionante campagna di PETA (People for the Ethical Treatment of Animals), l’organizzazione no-profit a sostegno dei diritti animali.

“Facci felici, non indossare pellicce”. Questo lo slogan accanto al quale campeggiano i volti, l’uno accanto all’altro, della bella attrice spagnola e di un micione rosso, dolcemente accoccolato tra le sue braccia. Lanciata in tempo per la stagione di shopping natalizio e di caccia la regalo, l’iniziativa invita tutti a lasciare cancellare le pellicce dalla propria letterina a Babbo Natale.

Un gesto etico e di amore nei confronti dei nostri amici pelosi che quest’anno è anche in linea con la moda. Comprese la haute couture delle passerelle internazionali. Burberry, Gucci, Michael Kors, Diane von Furstenberg, John Galliano, solo per citare le più celebri, sono le maison che hanno scelto di diventare 100% fur free.

Un risultato raggiunto anche da Casa Versace, Marchio particolarmente caro a Penelope che si è guadagnata una nomination agli Emmy interprentando Donatella nella fortunata serie televisiva “The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story”.

La pelliccia è bandita dalla letterina a Babbo Natale

La pelliccia è bandita dalla letterina a Babbo Natale

Finalmente molti stilisti stanno abbandonando la pelliccia. Non vedo l’ora che arrivi il giorno in cui sarà allevato in gabbia o catturato e ucciso per la sua pelliccia.

Penelope Cruz

Il più grande esportatore di questo bene di lusso è la Cina. E, come rivelano moltissimi video di PETA, gli animali che lì vengono allevati trascorrono la loro intera esistenza in gabbie minuscole e sporche. Passano i loro giorni ammucchiati gli uni sugli altri, malnutriti e senza accesso all’acqua pulita. E, purtroppo, la loro fine è anche peggiore. Per non rovinare il manto, l’unica cosa che realmente interessa ai loro aguzzini., vengono uccisi col gas, per elettrocuzione o avvelenati.

Altri animali vengono invece catturati con le tagliole, trappole dentate che si chiudono a scatto sulle loro zampe, piantandosi nella carne fino all’osso. I dolori sono lancinanti, e molte bestiole muoiono dissanguate o, una volta liberate, di infezioni o cancrena.

Una realtà triste che fa rabbrividire tutti noi che amiamo gli animali, e li proteggiamo. Ecco perché anche Ragazzamoderna.it e tutta la sua community si unisce a PETA, Penelope Cruz e le tante celeb che negli anni le hanno fatto da testimonial per dire NO alle pellicce. NO a questa industria crudele. NO Babbo Natale, nella mia letterina non c’è assolutamente alcun capo di pelliccia.

#natalefurfree

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata