L’amore non è bello se non è litigarello… Battibecchi, scaramucce e litigi sono frequentissimi in tutte le coppie, al punto che la loro assenza è spesso sinonimo di una crisi della vita a due.

L’importante, però, è che gli scontri non si trasformino in liti furibonde e incontrollate. Bisogna imparare a confrontarsi in modo civile e costruttivo, con l’obiettivo di arrivare alla soluzione di un problema piuttosto che voler prevalere sull’altro. Ragazza Moderna ha preparato per voi un piccolo vademecum per imparare a litigare in modo… equo e solidale. Cinque regole da seguire alla lettera per un “sano” litigio:

  1. Giocare d’anticipo: ovvero imparare a calmarci prima di affrontare il nostro boyfriend. Quando le emozioni prendono il sopravvento, vediamo il mondo attraverso di esse. È come se avessimo un filtro colorato che tinge il mondo di quella tonalità e ci impedisce di comportarci in maniera obiettiva, razionale e flessibile. Pertanto, la prima regola per affrontare un conflitto è assicurarsi che le nostre emozioni non stiano condizionando la nostra mente e che siamo ben disposti ad accogliere le argomentazioni dell’altra persona.
  2. Circoscrivere il problema: molto spesso quando si inizia a litigare non si sa bene per cosa ci si stia infuriando. Invece è bene circoscrivere l’argomento della crisi. Per evitare quindi che il litigio diventi distruttivo occorre avere molto chiaro il motivo per cui si sta discutendo, senza allargare il discorso ad altri aspetti e senza attaccare la persona nel suo complesso. Fondamentale poi e non rivangare sistuazioni passate.
  3. Scegliere le parole: lo sappiamo quando siamo adirate le nostre frasi posso trasformarsi in vero boomerang. Per evitare ciò non solo è opportuno fare attenzione alla scelta delle parole, ma è fondamentale usare frasi positive. Insomma, piuttosto che dire: “Non passiamo abbastanza tempo insieme”, meglio affermare: “Mi piacerebbe passare più tempo insieme”.  In questo modo il litigio prenderà subito un’altra piega!
  4. Respirare: se proprio non si può fare a meno di arrivare a uno scontro, l’importante è prendersi una pausa di sei secondi prima di inveire. Questo può aiutare a vedere le cose dalla prospettiva migliore.
  5. Ascoltare: durante una lite è sbagliatissimo continuare ad affermare le proprie ragioni senza ascoltare quelle dell’altro. Bisogna cambiare il punto di vista: dare più importanza all’ascolto piuttosto che alla parola.  Infatti, è fondamentale che il partner sappia di essere ascoltato. Può essere utile spiegare il motivo del disaccordo. In questo caso,una frase come “Capisco il tuo punto di vista ma non sono d’accordo” è decisamente più utile di un secco “Non sono d’accordo con te”.

 

 

 

A proposito dell'autore

...Se penso che da piccola facevo i capricci...

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata