Per chi crede nel proprio talento, e desidera uscire dall’ombra per lasciarlo sbocciare.

Per chi, malgrado la difficoltà di emergere, lotta ogni giorno senza scoraggiarsi.

Per chi è disposto a sudare, volteggio dopo volteggio, accordo dopo accordo, per raggiungere la perfezione.

Per chi, come il visionario e passionale coreografo Zander, la talentuosa e tenace ballerina classica Barlow o il sensibile fuoriclasse della tastiera Charlie, è capace di rinunciare a tutto per dare spazio alla propria arte.

Insomma, per chi come noi crede nei sogni e vuole realizzarli, oggi esce in tutte le sale italiane per Videa lo spettacolare New York Academy Freedance, il nuovo capitolo della saga dedicata all’accademia di danza newyorkese più tosta e ambita di sempre (leggi la trama della pellicola su Ragazzamoderna.it).

Ballo, musica, energia, ottimismo, passione, rivalità, determinazione, romanticismo e un cast d’eccezione nel quale brillano i protagonisti Thomas Doherty, Harry Jarvis e Juliet Doherty (leggi l’intervista esclusiva a Zander, Charlie e Barlow su Ragazzamoderna.it). Gli ingredienti per un grande film sulla danza, capace di lasciare il segno e di entrare nel cuore, ci sono tutti. New York Academy Freedance, però, è più di un bel musical. Infatti, la storia di Zander, Charlie e Barlow regala un insegnamento importante: non conta quanto grande sia l’obiettivo per il quale stai lottando, dal diventare una stella di Broadway all’avere successo in quell’attività che tanto ti piace. Quello che importa veramente è lo spirito con il quale affronti le difficoltà che ti dividono dal realizzare ciò che desideri.

A volte, basta riderci sù, come raccontano i protagonisti nel video in esclusiva per noi di Ragazzamoderna.it pubblicato qui sotto. Guardalo, e continua a leggere l’articolo con tutte le motivazioni per le quali non puoi perderti New York Academy Freedance al cinema!

 

 

La danza è universale. È un linguaggio che attraversa tutti i confinisostiene Michael Damian che, insieme alla moglie Janeen, ha scritto e prodotto entrambi i film New York Academy per raccontare gli alti e i bassi, le difficoltà e le gioie, di un mondo che entrambi conoscono molto bene. Lei, infatti, è una ballerina, mentre lui un musicista.

Ecco perché la coppia ha scelto di mettere in scena coreografie con artisti internazionali, colonne sonore senza tempo, ma anche tante lezioni di vita, valide su un palcoscenico di Broadway, come in molte altre situazioni.

Ma cosa possiamo imparare attraverso le esperienze dei ballerini, dei coreografi e dei musicisti di New York Academy Freedance? Perché andare a vedere Zander, Charlie e Barlow al cinema anche se non siamo super appassionati di danza?

Ecco le 5 ragioni di Ragazzamoderna.it!

  1. Le esperienze “spietate” servono. Infatti, se è giusto credere in se stessi, è altrettanto corretto mettere alla prova le sicurezze acquisite misurandosi con chi ha la nostra stessa passione. Lo sa bene Barlow, che deve lottare duramente per far parte del cast dello spettacolo…
  2. Amore e amicizia sono un sostegno. Ma possono anche diventare i nostri peggiori nemici quando, invece di regalarci sensazioni positive, interferiscono negativamente scatenando “l’altra faccia della medaglia” fatta di invidia, gelosia e desiderio di rivalsa. Guardate un po’ quello che accade tra Zander, Charlie, Barlow e Kayla Jordan!
  3. Sfodera la grinta. Passione, talento e conoscenze sono certamente indispensabili, ma senza la capacità di essere tenaci e di spingersi oltre, è quasi impossibile spiccare. Tanto che il pianista Charlie ce la mette proprio tutta per emergere e farsi notare da Zander.
  4. Fatti guidare da chi è più esperto. Anche se si è un talento, c’è sempre qualcuno con maggiore esperienza capace di darci indicazioni per migliorare. È, infatti, proprio quando Barlow viene scelta da Zander come musa ispiratrice che si rivelano le sue doti di etoile…
  5. Lasciati sorprendere. Non dare nulla per scontato, non permettere a noia e monotonia di mettere a tacere l’entusiasmo con il quale affronti quotidianità e nuove sfide. Prova a guardare al mondo con gli stessi occhi di Charlie, estasiato dalle coreografie che vede prendere vita al suono delle sue note.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata