Sei sempre stata la principessina di casa. Ogni tuo desiderio era (quasi) un ordine e non sei proprio abituata a sentirti dire di no. D’altronde, appena mamma e papà ti negavano qualcosa, lo ottenevi a forza di strepiti, capricci e musi lunghi. Insomma, sei un po’ viziata.

Un atteggiamento che – tolti ovviamente gli aspetti da bambina – hai ancora oggi. E che metti in atto anche con la tua dolce metà, ormai abituata a correre fino in capo al mondo per accontentarti.

Certo, esaudire i desideri della persona amata è un piacere quando si provano sentimenti importanti, ma con il passare del tempo questo tuo atteggiamento potrebbe piacergli sempre meno. Fino a diventare insopportabile. E poi diciamocelo, se sei abbastanza grande per amare, lo sei anche per controllare il tuo ego o, almeno, per provarci. D’altronde, l’obiettivo finale non è altro che il benessere della coppia.

Sì, perché quando si è in due ma ci si focalizza eccessivamente sulle esigenze del singolo, il punto di vista non può che diventare parziale. E dove c’è poco equilibrio aumentano le incomprensioni e la frustrazione.

Ma come puoi capire se davvero ti stai comportando un po’ troppo “da principessina” e, soprattutto, come puoi riequilibrare la tua vita a due? Continua a leggere qui sotto e dai un’occhiata ai consigli per te!

 

  • Vuoi sempre avere ragione. Mamma e papà ti hanno abituata ad averle tutte vinte, così pensi che anche la tua dolce metà debba sottostare a questa regola. Niente di più sbagliato. Anzi, il confronto (civile e pacato) è proprio il carburante del rapporto. Ricordalo ogni volta che lo zittisci pensando che chi non la pensa come te, non ha ragione di esprimersi.
  • Vuoi sempre quello che vuoi. Non accetti i “no” e al solo pensiero di dover “rinunciare” a qualcosa ti senti sola contro il mondo. È proprio come quando facevi i capricci per un giocattolo che, immancabilmente, i tuoi genitori ti acquistavano. Ok, il viaggio che desideri tanto non è proprio la stessa cosa, ma ricorda che la vita è fatta di compromessi. Non esiste “tutto” o “niente”. E crescere, quindi avere una relazione appagante e serena, significa provare ad esaudire le esigenze di entrambi.
  • Non ti scusi per i cattivi comportamenti. D’altronde a te tutto è permesso, giusto? Ovvio che no. Soprattutto se i tuoi atteggiamenti feriscono le persone alle quali vuoi bene e che ti vogliono bene. Una rispostaccia può scappare in un momento di stanchezza o di nervosismo, ma poi le scuse sono d’obbligo.
  • Sei egoista. Non ti piace condividere e ti dà fastidio quando sei obbligata a farlo, anche se dall’altra parte c’è il tuo lui. In questo caso fai attenzione: questo è un sentimento antagonista all’amore e, se non impari a contrastarlo, ti troverai strapiena di cose inutili. E senza una persona con la quale godertele.
  • Sei gelosa. Ok, un pizzico di gelosia è sano. Ma quando diventa ossessione, tira il freno! Forse temi “l’abbandono” e hai paura che lui, da un giorno all’altro, si rivolga altrove ma… ricorda, è proprio quando ci sente soffocati e in gabbia che si desidera scappare.