Sam costretta  in un loop temporale a rivivere sempre lo stesso giorno, dovrà rivedere la sua vita perfetta. Questa, in breve, la trama di “Prima di domani” ispirata all’omonimo best seller di Lauren Oliver pubblicato in Italia da edizioni Piemme. Il film sarà trasmesso in anteprima nazionale al Giffoni Film Festival domani 18 luglio.

Ogni giorno lo stesso giorno. No, non parliamo di monotonia o di una vita noiosa, ma di qualcosa di molto diverso: una dimensione in cui il tempo è scandito in modo strano, seguendo un loop che riporta sempre allo stesso giorno. Questo è ciò che accade in “Prima di domani”, del regista Ry Russo-Young. Il film, che arriva nelle sale italiane il 19 luglio, racconta un’ interruzione temporale che cela un avvertimento e che probabilmente scomparirà quando la protagonista, la bellissima Zoey Deutch, scoprirà cosa si nasconde dietro questà circolarità del tempo.

La  popolare studentessa Samantha Kingston all’improvviso si trova a rivivere sette volte lo stesso giorno, quello della sua morte, il 12 febbraio. Solo lei si accorge o vive questo fenomeno e tocca dunque a lei indagare e risolverlo attraverso degli indizi che raccoglierà a ogni ripetizione temporale, imparando nuovi valori ed indizi sul suo brusco decesso. Il suo stesso destino è nelle sue mani.

Il personaggio di Sam è la solita bella teenager dalla vita facile: viziata, cinica e frivola. Insomma, il classico personaggio che, generalmente, rappresenta l’antagonista che deve essere combatutto. Qui invece non si combatte, se non con se stessi: una battaglia alla quale nessuno può sfuggire.

Una pellicola che mixa il tema della crescita interiore, spesso trascurata nella quotidianità di adulti e adolescenti, alla necessaria variabile del tempo, che tutto può dire a chi tiene l’orecchio teso. Una trama che può apparire poco originale, ma ricca di spunti utili per fermarsi un attimo a pensare a come migliorare se stessi, ogni giorno. Proprio come Sam.

Ecco una clip del film in esclusiva per voi: da non perdere!

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata