Arriva nelle sale italiane “Puoi baciare lo sposo”, un film divertente che racconta con leggerezza una storia dei nostri tempi. Infatti, non importa di che genere sia, ogni storia d’amore ha sempre un elemento in comune…l’amore!

Dopo l’acclamato film: “Chiamami col tuo nome”, unico candidato italiano agli Oscar come miglior film, arriva nelle sale giovedì 1 marzo “Puoi baciare lo sposo”. Ben diversi l’uno dall’altro, i due film raccontano legami che stupiscono e allo stesso tempo emozionano.

L’ultimo film di Alessandro Genovesi si esprime con toni divertenti per raccontare e dare voce a una delle tante possibili storie che fanno da sfondo alla nostra società. Molti i protagonisti del panorama cinematografico italiano che si sono cimentati in questa simpatica commedia.

Trama del film

Antonio (Cristiano Caccamo) e Paolo (Salvatore Esposito) sono una coppia che vive felicemente a Berlino. Tutto scorre tranquillo fino al giorno in cui Antonio, con una tenera dichiarazione d’amore, chiede a Paolo di sposarlo. Arriva così il momento di dover affrontare le due famiglie. Decidono quindi di partire insieme per l’Italia, destinazione Civita di Bagnoregio dove vive la famiglia di Antonio. Paolo incontra Anna (Monica Guerritore) la madre, e Roberto (Diego Abatantuono) il padre, nonché sindaco progressista del Paese, che ha fatto dell’accoglienza e dell’integrazione i punti di forza della sua politica.

Si uniscono all’avventuroso viaggio due stravaganti amici della coppia: Benedetta (Diana Del Bufalo) e Donato (Dino Abbrescia). Dopo il lieto annuncio Anna accetta subito l’intenzione del figlio di unirsi civilmente a Paolo a patto che vengano rispettate tutte le tradizioni e alcune condizioni. Alle nozze dovrà infatti partecipare la futura suocera, bisognerà invitare tutto il paese e dell’organizzazione se ne dovrà occupare Enzo Miccio, wedding planner per eccellenza. Infine, i ragazzi dovranno essere uniti in matrimonio dal marito, con tanto di fascia tricolore.

Ma sarà davvero così semplice? Per scoprirlo non vi resta che andare al cinema…

Intanto non perdetevi il trailer

 

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata