Aspetto da principe azzurro ma ciò che fa innamorare di lui è la sua voce.

Ve lo ricorderete come quarto finalista della terza edizione di X-Factor. Silvio Barbieri, in arte Silver ha portato il suo amore per la musica nel talent e continua a farlo, nella vita di tutti i giorni e in televisione. Sta infatti conducendo “Arrivano i nostri 3.0” su Vuemme.

Per il futuro Silver ha molti progetti: dopo essere arrivato fra i finalisti di Sanremo Giovani ha una canzone in italiano a cui vorrebbe riservare un’uscita speciale. Nel frattempo ha molti brani in inglese e pensa di realizzare un disco. Intanto è pronto a farci conoscere il suo ultimo singolo…

…Noi per l’occasione lo abbiamo intervistato!

Che cosa hai imparato da X-Factor?

«È stata un’esperienza intensa! All’interno del programma sono cresciuto e ho avuto la possibilità di imparare e di lavorare bene nel campo della musica. Nel mio percorso, durato tre mesi, ho fatto amicizia con i concorrenti, ma sopratutto con Morgan. Il rapporto con lui è una componente importante che ancora rimane nella mia vita».

Che cosa pensi dei Talent?

«Prima di fare il provino non avevo mai visto il programma. Solitamente chi suona nei locali crede molto nella gavetta e di conseguenza i talent sono visti un po’ male. Ma i miei amici hanno insistito e alla fine ho ceduto. Quel giorno alla mia famiglia ho detto che andavo al lago! Credevo ai luoghi comuni…cioè che per entrare servissero delle conoscenze, e io non conoscevo nessuno. Quando sono stato selezionato invece, mi sono ricreduto! Perché ci vogliono le capacità e molta passione per resistere, anche perché ti tolgono tutto. Il cellulare, le chiamate a casa, la tv… Alcuni pativano davvero molto. Io sono stato fortunato e devo ringraziare Morgan, perché non mi ha mai snaturato, avevo ben chiaro il mio genere musicale e lui mi ha sempre dato spazio».

Come sta andando la conduzione di “Arrivano i nostri 3.0” su Vuemme?

«La trasmissione nasce per far rivedere i video italiani degli anni ’90. È interessante perché si scopre l’inizio degli artisti e si raccontano aneddoti. Mi piace questa conduzione perché parlo di musica, inoltre mi piace far ridere la gente con degli sketch che facciamo durante la puntata. Ho sempre pensato che sarei voluto diventare un cantante o un comico!».

Parliamo della sua musica

Cosa ti da la musica?

«È il mio modo per dire quello che sento, perché sono timido. Nelle mie canzoni parlo di me, parto sempre dalle mie esperienze. Mi sento più libero quando scrivo in inglese, in questo modo la canzone diventa più mia».

Il tuo ultimo singolo si chiama “Let me fall in love”, e tu sei innamorato?

«Bisogna innamorarsi prima di se stessi e poi degli altri. Saper accettare noi stessi e amarci,  ci da l’opportunità di amare un’altra persona, altrimenti non è possibile amare davvero».

Ecco il video del nuovo singolo

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata