Care amiche, non occorre essere dotate di Abs (Alte, belle, snelle) per piacere a un ragazzo e per accalappiarlo. Servono ben altre doti per risultare seduttive e intriganti. Ragazza Moderna ve le svela perché la seduzione è… un’arte che tutte voi potete apprendere e mettere in pratica!

“In amor vince chi fugge” dicevano le nostre nonne. Mostrati un po’ indifferente ai suoi complimenti, non cadere subito ai suoi piedi…e se riesci non tempestarlo di sms o chiamate. Aspetta che sia lui a farsi sentire, almeno i primi tempi. E se ci riesci, fai la vaga, non farti vedere troppo presa. 

Un po’ di intraprendenza, però, non guasta: soprattutto durante i primi approcci è importante che l’uomo capisca che abbiamo un carattere e una personalità, che sappiamo essere ironiche e spiritose, ma anche concrete e razionali e che sappiamo usare la testa. Poi, nel momento in cui inizierà il corteggiamento lasceremo a lui la conduzione delle danze, perché sappiamo bene che l’uomo è cacciatore…

Terza regola fondamentale è non prendere mai troppo sul serio le sue parole. Che non vuol dire sottovalutarlo e crederlo un bugiardo… Ma non pendete mai troppo dalle labbra di un uomo e soprattutto cercate di dargli l’impressione che la vostra vita continuerebbe liscia anche senza di lui…

Quarta regola: dosiamo la dolcezza! Sedurre un uomo vuol anche dire mostrare il proprio lato dolce, romantico e femminile, ma senza cadere nel fragile e compassionevole. Soprattutto all’inizio, quando la relazione appare precaria, è proprio quel senso di costante precarietà che accende e incendia la passione rendendo più coinvolgente tutto il corteggiamento. E anche se poi non siamo così mielose, lasciamoglielo credere!

Ultima regola: siate voi stesse. Nel gioco della seduzione non servono maschere. Mostratevi per quello che siete utilizzando intuito e intelligenza. Sarà lui a scoprire i vostri pregi, le vostre fragilità e anche i vostri desideri, ma senza fretta. Mostratevi poco a poco, solo così stuzzicherete e incuriosirete il cacciatore…!

 

 

 

A proposito dell'autore

...Se penso che da piccola facevo i capricci...

Post correlati