Ha segnato un’epoca e adesso, a distanza di cinquant’anni, è tornato a fare furore. Sì, avete indovinato! Stiamo parlando proprio dell’effetto tie dye, un cult dello stile boho gipsy dei miti anni Settanta che, dalle passerelle allo urban style, sta conquistando tutte le fashion addict.

Ma perché piace così tanto? È colorato, sbarazzino e sa… d’estate e di libertà! E poi, puoi realizzare da sola i capi da indossare, selezionando abbinamenti di colore e motivi.

In effetti, tingere t-shirt, foulard, gilet e altri accessori utilizzando questa tecnica non è poi così difficile: è sufficiente annodare e tingere, proprio come suggerisce il nome. Il tie dye prende vita proprio annodando alcune parti del capo e, quindi, colorandolo. Con un po’ di pratica, e un pizzico di pazienza, si può ottenere un arcobaleno di colori! Qui sotto, c’è il link per un tutorial davvero molto carino!

Guardatelo e poi continuate a leggere l’articolo, per scoprire come abbinare il vostro fantastico capo appena creato… senza fare errori di stile!

Ora che avete realizzato i vostri capi tie dye, non resta che indossarli seguendo alcune regole perché se boho è sinonimo di chic, quando ci si addentra nella moda hippy e Seventies gli scivoloni di stile sono in agguato. Preoccupata? Segui le nostre regole, e non puoi sbagliare!

  • Trova il giusto equilibrio. E cioè, bilancia il capo super colorato in stile “figlia dei fiori” con un altro pezzo neutro, capace di rendere il look più armonico. Un esempio? Un paio di jeans a tinta unita sono perfetti insieme a una tee psichedelica.
  • Asseconda la nuance dominante. Invece di esaltare i contrasti, abbina i vari pezzi del look secondo la tonalità più presente. Così, anche se si tratta di un colore acceso, ottieni comunque un effetto chic e raffinato.
  • Evita l’accumulo e scegli le contrapposizioni. Ebbene sì, quando indossi il tie dye ci devi andare piano: un capo è sufficiente a dare il giusto kick anche ai look più monotoni e “seriosi”. Ad esempio, perché non indossi la tua tee hippy con una gonna a tubino a tre quarti? L’effetto wow è assicurato.

A proposito dell'autore

Mangia, prega, ama

Post correlati