“La pratica dello yoga investe tutti gli aspetti della nostra vita. Non solo quello fisico, ma soprattutto la ricerca della propria interiorità e l’equilibrio con il mondo circostante. Solo quando impariamo ad ascoltarci e a “sintonizzarci” con l’intero Universo possiamo raggiungere un reale benessere e una totale beatitudine”

Descrive così i benefici dello yoga Giulia Borioli, di Yogafestival (clicca qui per visitare il sito), una due giorni milanese di freeclass e workshop per appassionati e neofiti seguiti da maestri internazionali giunta questo fine ottobre alla 13esima edizione.

E che questa disciplina millenaria sia una pratica che dovrebbe entrare a far parte della vita di tutte noi, ce lo avevano già raccontato diversi esperti. Primo tra tutti, il guru Patrick Beach – quasi 400 mila follower su Instagram e una vita dedicata alle asana – che intervistato da Ragazzamoderna.it ha ricordato l’importanza della meditazione. Ritagliarsi del tempo, respirare a fondo, prendere atto che sei parte di un sistema regala grande energia e un’ottima empatia (clicca qui per vedere tutta la video intervista a Patrick). Anche Claudia Casanova – cagliaritana milanese d’adozione – non ha dubbi. Per lei, che è maestra di yoga e desidera creare attraverso il suo profilo Ig una community di appassionati, la pratica di questa disciplina aiuta ad allenarsi senza stufarsi (clicca qui per leggere l’intervista a Claudia Casanova, incontrata perché una delle prime partecipanti alla McFIT Girls Fitness Challenge).

E se volessimo provare a praticare yoga e meditazione a casa? La soluzione migliore è quella di dedicare un’area specifica a questa attività, destinandole una zona a sé stante. Ma non solo. Leggi qui sotto tutte le regole per scegliere e arredare un perfetto spazio per la meditazione, capace di aiutarti a entrare in connessione con il cosmo…

  1. Crea il tuo angolo di Paradiso. Hai presente gli yogi che meditano su un’altura, sotto un bellissimo albero in fiore, con una cascata alle spalle? Beh, ecco, questo sarebbe il meglio. Ma se non riesci a trovare uno spazio analogo, può andare altrettanto bene un’area del salotto o della tua camera da letto. Alla quale si può aggiungere un tocco esotico con stampe floreali e foto di elementi naturali. Via libera, ovviamente, anche la piante vere… comprese fontanelle d’acqua e micro giardini.
  2. Minimal is the new black. Libera il tuo spazio zen da tutte le cianfrusaglie che non servono alla pratica dello yoga. Lo spazio nel quale purifichi la tua mente e il tuo corpo deve essere altrettanto pulito!
  3. Scegli la luce. Equipaggia il tuo angolo di meditazione con una luce che ti consenta di graduare la luminosità, dalla più soffusa alla più intensa. Ricorda, poi, che i colori pastello aiutano a rilassarsi e a sentirsi avvolti e coccolati…
  4. Ammalia l’olfatto. Il profumo migliora la concentrazione e aiuta a cancellare lo stress e a liberare la mente. Quindi, equipaggia il tuo angolo zen casalingo di essenze e diffusori da usare durante l’intera seduta di meditazione oppure da utilizzare appena prima.
  5. Disconnettiti. La tecnologia, lo sappiamo, è spesso un ostacolo alla concentrazione. Il tuo angolo per la meditazione deve essere quindi free da ogni tipo di tecnologia che, suonando/vibrando/bippando ecc. ecc. disturba il tuo tentativo di guardarti dentro.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata